shop-cart

Now Reading: The Archaeologist: godere dello spirito Harley Davidson

The Archaeologist: godere dello spirito Harley Davidson

The Archaeologist: godere dello spirito Harley Davidson

La storta più brutta di tutta la mia vita l’ho presa proprio con il Gin, o meglio con il mix Gin Tequila Cointreau, quindi non reagisco mai benissimo a sentirli nominare. Sta di fatto che sono incappato in questa produzione e da cuoco e amante delle Harley Davidson non potevo che rimanere affascinato da tale fusione dei due mondi, esattamente come ho cercato e cerco di fare io con il mio progetto di Un Biker in Cucina.

The Archaeologist, un appassionato di moto che decide di fondere insieme lo spirito del liquore con l’anima del ferro perduto, quello rimasto troppi anni sotto centimetri di polvere, una storia da raccontare.

 

The man: The ArchaeologistL’Uomo

All’età di 17 anni, Uwe Ehinger fu infettato da una febbre incurabile: il virus Harley.

Da quel giorno in poi ha cominciato un viaggio irrequieto in tutto il mondo per cercare i più nascosti garage, i cespugli incolti e i cortili polverosi dove si nascondevano le leggendarie reliquie a due ruote perdute. È diventato una leggenda – un archeologo delle moto.

 

Il Gin

Come le nostre moto, lo stesso archeologo è un pezzo eccezionale di artigianato.

Ogni volta che faccio una ricerca di moto rare, mi chiedo come utilizzare ogni singola parte – perché meritano di essere conservate. È qui che nasce l’idea di preservare lo spirito dei vecchi motori in uno spirito reale, quello del Gin, e consentire così di sperimentarne anche il gusto. Ogni dettaglio dell’imballaggio è una meticolosa creazione della tecnologia più sofisticata tecnologia di confezionamento in cui le parti metalliche vengono conservate nel loro stato originale.

 

Flathead 1939

Alcuni di questi garage erano sicuramente stati visitati solo dai ratti negli ultimi 20 anni.

Negli anni ’80, ho sentito che la polizia militare messicana aveva recentemente rinnovato tutta la flotta motociclistica. Dopo alcune ricerche, ho scoperto questa enorme area di stoccaggio di veicoli militari scartati. Garage pieni di polvere, ratti morti e vecchie moto arrugginite.

Ho fatto un affare per alcuni Shovelheads e Panheads, e proprio prima che me ne andassi, ho notato alcuni rarissimi Flathead del ’39 appoggiati al muro. Esco senza dare nell’occhio, non volevo che se ne accorgessero, quindi mi fermo e penso, sono molto più vecchi, forse ci scappa un prezzo migliore, e cosi è stato. Sorridevo.

 

Knucklehead 1947

Chiunque decide di viaggiare in Sud America in cerca di vecchie motociclette dovrebbe pensare alle opzioni di stoccaggio provvisorio. Il mio primo era stato il cortile della madre di un vecchio amico. Le mie motociclette presto circondarono tutta la casa in modo che dovessi andare avanti per evitare che una vecchia signora diventasse claustrofobica.

Uno dei miei modelli preferiti in quel tempo era l’ocean-blue FL in dotazione come veicolo di consegna di un farmacista tedesco a Santiago de Chile fino alla sua morte nel 1969. Al primo sguardo di questa rarità sapevo che avrei volentieri consegnato anche solo un aspirina fino a Tierra del Fuoco con essa.

 

Panhead 1962

Per dimostrare quanto sia seria e appassionata la polizia sud coreana, alcune dozzine di Harleys sono state schiacciate proprio di fronte a me.

A Seoul sono stato portato in un cortile gigantesco dove la polizia coreana ha portato tutte le loro motociclette difettose: centinaia di moto dagli anni ’60, ordinatamente parcheggiate in righe e per lo più sommerse nel fango. Sono rimasto sbalordito. Ma prima che potessimo concludere l’affare, la polizia si avvicinò a schiacciare qualche dozzina di Harleys proprio di fronte a me, solo per salvare la faccia.

Poi sono stato invitato ad un grande banchetto e dopo il pasto, mi è stato chiesto di cantare uns canzone folk tedesca. Gli unici testi che mi sono venuti in mente erano le prime strofe di ‘Hoch auf dem gelben Wagen’. Inghiottii duro e cominciai a cantare. Ma non sono arrivato lontano: dopo le prime parole, l’intera sala si è unita a me entusiasticamente.

 

The Archaeologist: la produzione

La produzione

Come le moto, il Gin è artigianato puro in ogni dettaglio.

Tutto il prodotto e il packaging sono confezionati artigianalmente con le parti dei motocicli degli anni ’30 e ’40, utilizzando materiali e tecniche diverse.

 

La bottiglia

Vetro chiaro su misura dalle vetrerie Karl Schmid; Parte originale del motore d’annata saldato su una presa d’acciaio inossidabile dallo studio Wolfrik Fischer.

 

Il Prezzo non è per tutti, ma se volete approfondire la cosa potete visitare il suo sito internet the-archaeologist.com

A story about

, , , ,

,

With

232

Views


Beppe

Written by

Giuseppe Tortorella

Giuseppe Tortorella, Beppe per gli amici, alias Un Biker in Cucina. Stay tuned.
Connect via Twitter, Facebook or Instagram.


Show Conversation (0)

Bookmark this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 People Replies to “The Archaeologist: godere dello spirito Harley Davidson”


More from Lifestyle Category

Close